Azienda in crisi per debiti? Difendi il Patrimonio

La tua Azienda Agricola è in crisi? Scopri come proteggere la tua casa e i campi prima che te li portano via

Questa è la storia di una delle tante imprese in crisi che abbiamo da raccontare oggi. La storia è veramente interessante e ti chiediamo di prenderti alcuni minuti per leggere queste poche righe per capire come una ristrutturazione aziendale può essere vantaggiosa per te.

L’azienda agricola, produttrice di vini, ha cominciato la sua attività ben più di venti anni fa. Oggi sta passando un periodo di crisi come tante altre aziende, ma non è sempre stato così.

Anni fa le cose sono sempre andate bene, i raccolti davano i loro frutti e con i proventi, la famiglia, ha deciso di fare alcuni investimenti nell’azienda. Ha aperto dei debiti con le banche perché, a parte i vigneti con oltre diecimila metri quadri di terreni, sono stati fatti dei lavori per costruire un capannone per accomodare tutte le attrezzature che servivano per lavorare la terra, come trattori, aratri, strumenti per la concimazione e la disinfestazione degli insetti.

Accanto al capannone, esiste anche un altro deposito dove venivano stipati i tini e le cisterne per l’invecchiamento e l’imbottigliamento del vino. Cisterne di vario tipo, vetroresina, cemento, acciaio, legno, in modo da diversificare le caratteristiche del vino.

In più, l’azienda, aveva ristrutturato una parte immobiliare dove hanno ricavato un ambiente adibito a ristorante con tutti i particolari. Un’ampia cucina, una bella sala dove ricevere i commensali, una parte bar, deposito e magazzino con i frigo. La parte ristorante ha preso anche le licenze per agriturismo viste le terre di proprietà e un piccolo allevamento di bestiame e pollame accanto ai depositi.

Il ristorante girava bene e i fornitori erano più che contenti di avanzare le merci alimentari con pagamenti a 60/90 giorni.

Il tutto condito in uno splendido ambiente naturale che fa da cornice a questo caratteristico posto.

Capite già dove vogliamo andare a parare: azienda + debiti con banche e fornitori = se non si pagano i debiti c’è il rischio del pignoramento!

E’ esattamente quello che sta accadendo.

La famiglia, padre, madre e due sorelle, avevano costituito una SNC sotto un caldissimo consiglio del loro commercialista. Se non l’hai ancora capito, avere una SNC è come dire ai creditori: prego accomodati, prenditi pure tutto ciò che vuoi. Non servono nemmeno fideiussioni, perché i soci di una SNC rispondono direttamente con il proprio patrimonio.

Inutile ripetere certe cose, ormai dovresti saperlo, quando si ha a che fare con imprese in difficoltà, bisogna analizzare bene la situazione per avanzare una soluzione al debito!

Fatto sta che la famiglia in questione sta rischiando la casa di famiglia composta da un’abitazione principale di oltre duecentocinquanta metri quadri ed un appartamento al piano superiore di circa cento metri quadri di proprietà di una delle due figlie.

Serve un piano di ristrutturazione con protezione del patrimonio.

La casa ha le ipoteche dei mutui aperti per i lavori che erano stati fatti in passato.
Bé le banche sono cos’: “se vuoi i soldi per il mutuo aziendale, mi garantisci con la tua casa!”
Mutui importanti che sono divenuti insostenibili per via del calo dei fatturati in azienda.

Ci sono debiti con fornitori.

I terreni e i capannoni sono liberi da ipoteche e potranno essere usati per bloccare i fornitori e le banche per un certo periodo in modo da poter prendere tempo per fare le nostre operazioni.

Come faremo a frenare l’assalto di fornitori e banche?
Segreti professionali!

Il ristorante non lavora più, è chiuso per via di alcune cause di lavoro con i dipendenti poiché i proprietari non hanno saputo sopperire alle richieste.

Una situazione aziendale abbastanza difficile da risolvere. Non solo, le figlie, giustamente, chiedono di poter uscire dalla società in quanto non vogliono essere responsabili di tutto ciò, avendo proprietà loro e avendo anche progetti per il futuro.

Come si riuscirà a far uscire un’azienda in crisi e con debiti da una situazione del genere?
Una società in crisi come questa richiede uno studio specifico della pratica in modo da presentare una soluzione specifica e definitiva.

Compila il modulo qui sotto per poter essere richiamato.

*Inserisci il Tuo Nome e la tua email, accetta le condizioni di Privacy e clicca sul bottone "Invia"


Privacy *

17 Comments

  • Adriano
    22 luglio 2013 - 06:19 | Permalink

    Buongiorno, mi trovo in una situazione del genre.
    Sono socio di una snc e miamoglie e mio figlio sono gli atri due soci.
    Non ce la faccio più ad andare avanti e ho paura che presto qualcuno ci porti via la casa e i pochi soldi che ci sono rimasti.
    Abbiamo debiti con Equitalia e banche e ci stanno davvero massacrando.
    Potete o volete aiutarci per favore? Non sappiamo più come fare.
    Ci siamo rivolti a certe società ma non andavano oltre il saldo e stralcio o ppure qualche concordato.

    • 23 luglio 2013 - 09:23 | Permalink

      Gentile Adriano,
      vedo che è in una situazione davvero complicata e ci piacerebbe chicchierare un po con lei se ci contattasse in privato.
      Esistono modi per proteggerle la casa e vediamo cosa possiamo fare poi con i debiti accumulati.

  • Mariella
    31 luglio 2013 - 23:29 | Permalink

    ma se i creditori si accorgono che di punto in bianco il patrimonio è sparito?

    • 1 agosto 2013 - 16:43 | Permalink

      Gentile Mariella,
      dipende sempre quando e come si fanno le cose.
      Dipende anche se ci sono vicnoli sugli immobili, come ipoteche, o meno.
      Si deve sempre valutare attentamente ogni singola situazione e non si può mai generalizzare.
      Ci son casi in cui non serve proteggere il patrimonio dalle banche perché sono cause già vinte in partenza per i clienti.

  • Ludovico da Brescia
    12 agosto 2013 - 03:12 | Permalink

    Quello che dite voi è quasi impossibile da fare.
    Ne ho visti tanti che promettevano e poi alla fine non hanno risolto nulla. Spariti.

    • 12 agosto 2013 - 08:59 | Permalink

      Gentile Ludovico,
      quello che diciamo, facciamo.
      Non ci presentiamo in sede di qualcuno, capiamo la situazione e poi spariamo come fanno altri.
      Noi la portiamo la dove abbiamo promesso e questo lo possono testimoniare molti clienti che abbiamo e che stiamo aiutando.
      Quando sarà di fronte al notaio e avrà firmato gli atti che le permetteranno di riprendere il sonno, vista l’ora del commento che ha lasciato, allora vedrà che avrà un’altra reputazione per chi fa questo lavoro.
      Non faccia di tutta l’erba un fascio.

  • Mario
    19 agosto 2013 - 16:29 | Permalink

    Posso dire che la cordialità e la serietà degli appartenenti a Cappa & Associati è molto alta.
    Ho avuto il piacere di lavorare con loro e di essere aiutato. Per carità, io avevo bisogno di meno rispetto a quanto detto sopra, ma sono stati comunque abili a trovare quelle sottigliezze che altri professionisti, o tali, non sono stati in grado di trovare.
    Anche l’avvocato Chirolli è stato molto caparbio e preparato nel suo lavoro.

    Grazie a tutti.

    • 20 agosto 2013 - 09:57 | Permalink

      Grazie Mario,
      le sue parole ci fanno molto piacere.
      Come si è risolta poi la discussione con i fornitori?
      Sono ancora li che premono?

      • Mario
        20 agosto 2013 - 10:25 | Permalink

        Sono calmi e dopo le vostre parole si sono tranquillizzati.
        Hanno capito che non volevamo sparire ma che c’erano situazioni diverse. Adesso, col tempo, li metteremo a posto.
        Uno di questi mi ha già proposto il 20% di quello che gli devo.
        E io che non credevo che potesse succedere.

  • Arianna
    2 settembre 2013 - 10:54 | Permalink

    Buongiorno,
    sono una dei soci di una SNC e avrei una domanda da sottoporvi.
    Anche se non sono stata una dei soci attivi dell’azienda, rischio comunque qualcosa?
    Avevo deciso di diventare socia di capitale, avendo delle liquidità, ma adesso che ci sono problemi con la banca cerco di mettermi in contatto con i miei soci ma non rispondono.
    Loro non hanno molte disponibilità a differenza mia.
    I pagamenti dei debiti sono suddivisi equamente tra i soci oppure no?
    Mi sembra di aver letto da qualche parte che possono attaccare anche un socio solo per sanare tutto il debito.
    Mi sbaglio?

    • 3 settembre 2013 - 11:01 | Permalink

      Gentile Arianna,
      come socia di una SNC lei risponde personalmente con il suo patrimonio.
      E’ corretto quello che ha letto, se lei è l’unica che può pagare, i creditori si possono rivalere anche “totalmente” su di lei.
      Lei poi avrà la possibilità di richedere ai suoi soci la loro quota di debito.

      • Arianna
        3 settembre 2013 - 13:26 | Permalink

        E quindi questi mi possono saltare addosso?
        Io ho diverse proprietà e molta liquidità in banca, come possiamo incontrarci?
        Io voglio risolvere, non voglio che qualcuno mi porti via tutto per errori che non ho commesso.
        Voglio fissare un appuntamento con voi, come devo fare?

  • daniela
    1 settembre 2015 - 05:59 | Permalink

    salve, quindi sulla base di questo articolo se uno si trova nella stessa situazione (nel caso mio una srl) la strada da seguire per venire fuori dal pignoramento è rilanciare con un prestito per un piano di ristrutturazione e mettere la casa in garanzia? chiedere un mutuo ipotecario per ristrutturare? in questo modo le banche (che si sono fatte furbamente rilasciare fideussioni e garnzie personali dai soci), i fornitori, equitalia, non possono attaccare gli immobili a garanzia,i in ipoteca dalle banca? mi confermate?

    • 3 settembre 2015 - 20:02 | Permalink

      Gentile Daniela,
      viene difficile capire una situazione societaria solo attraverso un commento di un blog.

      Le consiglio di prendersi un buon commercialista che prenda accordi con la banca e crei un piano di rientro concreto.

      I creditori possono SEMPRE attaccare le proprietà, anche con ipoteche.

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *