Come Non Farsi Pignorare la Casa dalle Banche

Sai Perché un banalissimo Fido Bancario può farti perdere la casa?

Dietro ad un debito c’è una storia, molte volte quasi impossibile da raccontare per via delle intersecate situazioni e decisioni che ti hanno portato ad indebitarti pesantemente.

Entri in un vortice quasi in modo impercettibile, ma dopo qualche tempo ti ritrovi insabbiato e quasi impossibilitato ad uscirne.

Guarda Giuseppe, uno dei grandi imprenditori di Torino che inizia la sua attività di carpentiere all’alba degli anni novanta.

Apre la sua SRL e inizia fin da subito a lavorare grazie alle conoscenze del padre, uomo che gode di buona reputazione in città.

Man mano che i lavori aumentano, Giuseppe si ritrova a dover far fronte a una serie decisioni che lo portano ad aumentare:

  • il personale
  • il numero dei mezzi per raggiungere i cantieri
  • lo spazio di magazzino
  • le esposizioni con le banche
  • le garanzie con le banche
  • le ore di lavoro in azienda

Le banche sono ben felici di aumentare le esposizioni di fido.

Solo poco tempo prima Giuseppe si serviva di un fido bancario di diecimila euro.

Ora invece ha dovuto aprire altri fidi per pagare stipendi, anticipo fatture, salvo buon fine, mettendo ipoteca sui due appartamenti e un terreno agricolo.

Con una SRL, le banche, non ti concedono credito se non ponendo una firma di garanzia e dando fideiussione personale.

Dall’altro lato, però, aumentano anche:

  • conto in banca
  • patrimonio immobiliare

Le cose funzionano alla grande.
Clienti puntuali nei pagamenti, cantieri sempre più grandi, fidi che si alzano di esposizione.
Non è un problema pagare seimila euro ogni trimestre, i soldi entrano, girano ed escono.

Fino ad un giorno in cui Giuseppe capisce che sta per succedere qualcosa perché i lavori incominciano a portare ritardi di pagamenti dei clienti.

Quando un cliente tarda a pagare è sinonimo che in quell’azienda qualcosa non funziona.

E’ un processo lento che ti tira dentro come un ragno nella sua tela.

Cominci ad incassare qualche migliaio di euro in meno, poi diventano cinque, poi dieci… e via così

Il problema vero è che ci sono delle scadenze a cui non puoi fare a meno di rispettare, altrimenti sono guai seri.
Alle banche non importa se non incassi soldi, a loro interessa che paghi e rientri del fido bancario, altrimenti scatta la revoca.

A nulla è valsa la richiesta di  un piano di rientro bancario.
Gli è crollato il mondo addosso quando se l’è visto revocare. Ha significato un grande fallimento per lui.

Allora Giuseppe, si mette immediatamente in moto per proteggere il patrimonio di famiglia:

  • Prima casa
  • Casa al mare
  • Due appartamentini in un paesello che hanno poco valore
  • Alcuni terreni agricoli

Costruiamo l’operazione ma, sia noi che Giuseppe, sappiamo che alcuni immobili andranno persi.
Purtroppo non tutti gli immobili possiamo salvarli per via dell’ipoteca e nemmeno noi ci siamo riusciti.

L’obiettivo primario di Giuseppe era di proteggere la prima casa e la casa al mare.
Cosa che abbiamo prontamente datto e le abbiamo protette con un Trust a favore degli …. proprio perché deve tutelarli.

In che modo?

Non possiamo dirti tutto adesso, cerca di capire.

Ricapitolando, in che modo posso evitare di perdere la casa?

Se vuoi evitare il pignoramento della prima casa devi muoverti immediatamente prima che la bomba del debito ti scoppi tra le mani.

Contattaci che ne parliamo.

In Primo Piano

Se vuoi proteggerti la casa dai debiti, non commettere l’errore di Giuseppe che, anche se è stato fortunato, ha perso comunque alcuni immobili.
Muoversi per tempo ti evita grane future.

Compila il modulo qui sotto per poter essere richiamato.

*Inserisci il Tuo Nome e la tua email, accetta le condizioni di Privacy e clicca sul bottone "Invia"


Privacy *

One comment

  • pino
    20 gennaio 2016 - 15:34 | Permalink

    ho la casa che andrà all’asta giudiziaria a oggi è venuto il tecnico per la preizia,
    C’E’ POSSIBIITA’ DI BLOCCARE QUESTA SITUAZIONE?

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *