L’avvocato è lì per la casa pignorata, non per aiutarti

Aiuto pignoramento

Ma com’è possibile che tutta questa gente mi contatta dopo aver avuto a che fare con un avvocato? Perché piombano sul blog centinaia di persone al giorno, alla ricerca disperata di una risposta che il legale non è stato capace a fornire?

Mi sono chiesto parecchie volte come mai così tante persone si riversano su internet per cercare informazioni corrette quando hanno subito un pignoramento.

Se tiro fuori questo argomento è perché esiste un numero esagerato di persone che tutti i giorni bazzicano su queste pagine e poi mi contattano.

Veramente tante.

Sono felice di poter portare aiuto e sollievo, quando posso, ma molte volte è troppo tardi.

Le persone che iniziano ad avere problemi con un debito e rischiano il pignoramento, passano tre fasi.

La prima fase è quella di cercare di capire cosa può succedere se:

  • si smette di pagare il mutuo;
  • non si pagano più le spese condominiali;
  • se la casa viene venduta all’asta cosa succede al debito, ecc.

Queste sono le 3 problematiche maggiori di oggi.

Chiedono a destra e a manca cosa gli può accadere.

Si riversano su internet cercando risposte valide.

La seconda fase è quella del rivolgersi ad un avvocato quando il problema ha messo la testa fuori dalla sabbia.

Ma molte volte è più un danno che altro. Te lo spiego più avanti.

La terza fase, la più brutta, è quella di sentirsi completamente soli, senza aiuto e senza speranza dopo aver attraversato le prime due fasi.

E molte domande frullano nella testa:

  • E’ vero che non c’è più speranza?
  • Perché mi sembra di aver perso tempo?
  • Com’è possibile che niente si è mosso di un centimetro?

Sbaglio?

Non ti sto leggendo la mente con qualche strano trucco da mentalista.

Conosco queste situazioni come le mie tasche perché sono le persone come te che me lo dicono.

Capisco la loro frustrazione nel vagare nella notte senza avere idea precisa di dove andare o come andrà a a finire.

Ma c’è ancora una cosa che mi fa uscire di testa riguardo alla seconda fase quando si ha a che fare con un avvocato NON specializzato in materia. Parliamo di un legale che si vde arrivare te in ufficio con questo problema MAI AFFRONTATO PRIMA e cerca di abbozzare una soluzione.

Di norma è sempre la solita e inutile solfa.

Mandare qualche lettera per tastare il terreno, prendere accordi a saldo a stralcio senza capire la disponibilità economica del cliente finale.

E ancora.

Siamo sicuri che a lui freghi qualcosa della tua pratica?

L’errore comune è quello di essere certi che ad un legale importi o meno della nostra pratica. Parlo del pignoramento della casa.

Non sto dicendo che è una cosa stupida. Anzi dovrebbe essere la cosa giusta da pensare, visto che paghi.

  • Ma come in tutte le cose, la realtà è ben distante dal mondo perfetto in cui tutti vorremmo vivere e si scopre miseramente che l’avvocato è li solo per mettersi in tasca dei soldi per una consulenza.

Fine. Prima te ne accorgi e meglio è.

Ricordati queste 4 cose:

1. Legali che seguono una procedura esecutiva.

Perché tante volte ritardano a dare conteggi, si negano al telefono, fanno ostruzione per chiudere una procedura a saldo a stralcio?

Perché più la procedura va avanti e più sono pagati. Le spese di procedura che devono ricevere sono dovute ad ogni battitura d’asta che va vuota e si deve ripubblicare.

E queste spese gravano sulla tua testa!

  • Quindi la loro convenienza è portare avanti la procedura, non chiuderla.

Chiuderla prima significherebbe perdere un cliente e buttare soldi dalla finestra.

2. Giustificazione dell’avvocato

“Come giustifico al mio cliente che sono stato pagato per lungo tempo senza risolvergli nulla?”

Viene difficile confermare una posizione di difetto. Gli avvocati di norma sono persone molto orgogliose e con un ego che sfiora il cielo.

Sentire danneggiata la loro immagine per incapacità o inettitudine è una cosa che gli fa torcere le budella dalla vergogna.

Dover giustificare a te che lo hai pagato il fatto di non aver potuto fare niente per propria limitazione delle proprie capacità, lo innervosisce.

Anche perché non si sa come potrebbe reagire il cliente che per lungo tempo è stato tranquillizzato per poi venire a scoprire che tutto è finito in una bolla di sapone.

E quindi è normale che quando una persona parla di me ad un avvocato, delle mie soluzioni, del sistema collaudato “Basta Debito”, il legale si risenta e cerchi in tutti i modi di difendere la propria posizione e attaccando me dicendo di:

  • lasciare perdere che ormai tutto è perduto;
  • non fidarsi perché siamo persone cattive e pronti ad approfittarcene (questa mi fa sempre ridere);
  • se c’era una soluzione lui l’avrebbe trovata;
  • ecc

Nella realtà cosa sta facendo? Ti sta tenendo in una situazione di rischio per difendere la propria posizione e giustificando il pagamento della sua consulenza che non ha portato a nulla.

E se ha trovato accordi, non ha le competenze adatte per soddisfarle o sbrogliare la matassa, scaricando su di te il fatto che lui ha trovato un accordo a saldo e stralcio ma sei tu che non hai i soldi per soddisfarlo.

Ma pensa!

E poi te la rigirano con termini incomprensibili che sfiorano la supercazzola.

Nessuno ti parla semplice e diretto come me.

3. Convenienza

Si sa che l’essere avidi è una delle caratteristiche primarie dell’essere umano.

Tutti cadiamo nell’avidità quando c’è la possibilità che una cosa sia più a nostro favore che per qualcun altro.

Anche nel discorso di un avvocato o professionista, non cambia.

  • Abbiamo prova certa di alcune casistiche in cui l’avvocato era interessato direttamente all’immobile e metteva i bastoni tra le ruote al buon raggiungimento della causa.

Nemmeno sotto tortura ammetteranno mai una cosa del genere. Ma capita.

Che sia per loro, un parente, un amicizia o altro.

Capiscono che il tuo immobile è interessante, interferiscono con chi può risolvere e se lo vanno a prendere all’asta.

Molti avocati sono anche investitori immobiliari. Investono sul mattone.

4. Ignoranza

Le persone come te, non sanno cosa fare.

  • Questa si chiama ignoranza ma nel senso buono del termine. Cioè IGNORANO cosa c’è da fare.

E’ normale rivolgersi ad un legale per capire se può togliere le castagne dal fuoco e risolvere un pignoramento sulla casa.

E questo punto può tranquillamente andare a braccetto con il punto 2, dove l’avvocato deve giustificare il pagamento di una parcella senza aver cavato un ragno dal buco.

La spiegazione è racchiusa in 5 parole: il legale non sa nulla.

Così come la persona a cui si rivolge e che cerca una soluzione.

Ma sai che fine fanno quelle fotocopie che gli hai messo in mano dopo aver pagato qualche cento euro di consulenza?

  • Si riempiono di polvere sulla sua scrivania fino a marcire.

Sono perfettamente cosciente che questo post potrà muovere alcune critiche contro le mie parole, ma io mi schiero sempre dalla parte del giusto.

Dalla parte delle persone che vogliono uscire da una situazione che non fa dormire e mi batterò fino alla fine per riuscire ad aiutarle.

So che non lo potrò fare con tutti, ma almeno ci proverò.

P.S.
Apro una parentesi dicendo che ci sono molti avvocati preparati e che meritano davvero un applauso per il lavoro che fanno.

Professionisti veri con la P maiuscola e che sono certo che condividono pienamente le mie parole.

  • Anche loro combattono tutti i giorni con “professionisti” generalisti e che sanno solo combinare danni.

Con molti di questi ci lavoro e non vedo l’ora di collaborare con altri della stessa fascia professionale.

  • Se adesso vuoi risolvere il tuo problema del pignoramento, affidati all’unico Professionista dello Spignoramento in circolazione e scaricati il mio report del sistema collaudato “Basta Debito”.

Clicca qui!

Compila il modulo qui sotto per poter essere richiamato.

*Inserisci il Tuo Nome e la tua email, accetta le condizioni di Privacy e clicca sul bottone "Invia"


Privacy *

6 Comments

  • Manuela Bracci
    18 ottobre 2016 - 12:28 | Permalink

    E’ uno schifo che persone professioniste possono fare queste cose.

    Ho sentito un amico lamentarsi del suo avvocato perché ha fatto perdere tempo e soldi e non è riuscito ad arrivare ad un dunque.

    Ma possibile che succedano queste cose?????

    • 18 ottobre 2016 - 12:30 | Permalink

      Gentile Manuela,
      noi raccogliamo solo ciò che ci viene detto da chi ci contatta e rendiamo pubblico il loro sentimento.

      Ci sono molti professionisti davvero capaci ma la difficoltà sta nel saperli riconoscere quando si subisce il pignoramento della casa.

  • Alberto M
    18 ottobre 2016 - 13:14 | Permalink

    Cari signori vi devo esprimere tutta la mia stima per quello che scrivete perché pochi hanno il coraggio di dire certe cose.

    Cose vere vissute sulla propria pelle e che confermano ogni singola parola.

    Grazie perché riuscite a rendere semplice ogni concetto che a noi gente comune pare impossibile da capire.

    Sono un vostro grande sostenitore e lettore.

    grazie mille

    Alberto

    • 18 ottobre 2016 - 13:16 | Permalink

      Gentile Alberto,
      grazie per le tue parole.

      Sembra quasi un commento costruito a tavolino…

      A parte scherzi, ti ringrazio e continua a seguirci!

  • Marcello
    19 ottobre 2016 - 11:18 | Permalink

    Uno si rivolge all’avvocato e rischia tutto questo?

    Mi sembrano parole forti e mi sanno di bufala!

    • 19 ottobre 2016 - 11:21 | Permalink

      Gentile Marcello,
      come ho scritto nel post, queste sono parole riportate da chi ha subito davvero un torto o una mancanza da parte del “professionista” che li stava seguendo.

      In alcuni casi, c’è stato un vero e proprio interesse nell’immobile dei clienti che si sono rivolti per risolvere un problema e si sono ritrovati il lupo in casa.

      Libero di scegliere se credere o meno e non le auguro di ritrovarsi in una situazione di pignoramento per scoprire a proprie spese se ciò detto è verità o meno.

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *