L’azienda fattura bene, ma non guadagna!

Come può essere che un’azienda sana e che fattura bene, non guadagna il giusto per potersi mantenere e per poter fare quegli investimenti necessari per aumentare la produzione, il personale, insomma dargli modo di espandersi.

Il titolo dell’articolo sembra una battuta, ma in realtà nasconde una situazione molto complessa.

Molte aziende che lavorano, arrivano giuste giuste alla fine del mese, senza percepire un guadagno.

Fatturano centinaia di migliaia di euro al mese, ma non rimane nulla per la famiglia dell’imprenditore.

Questi soldi se ne vanno in stipendi, affidamenti bancari, tasse, spese di gestione, ma per chi davvero l’azienda la fa girare, rimane poco o niente.

La foto dell’articolo descrive bene la situazione, l’imprenditore, tutti i giorni, si alza, lavora e corre come un disperato, ma alla fine rimane sempre dov’è. E’ stretto nella corsa del topo, lavora e corre per gli altri.

Siamo di fronte ad imprenditori che per tutta la vita hanno sempre dedicato la loro volontà all’azienda e non si sono mai dedicati a capire la gestione e l’amministrazione della stessa. Molte volte basta solo riorganizzare le spese tenendo le persone e i macchinari giusti per la produzione, evitare sprechi in spese assurde per ricominciare a vedere qualche soldo e rimettersi in carreggiata.

Quindi devo abbattere le spese?

Guarda che basta anche solo capire quale fornitore di energia elettrica ti fa un prezzo migliore di un altro per cambiare e ridurre le spese.

Anche l’aspetto fiscale e il rimborso alle banche non sono aspetti da sottovalutare perché con una buona ristrutturazione del debito, l’azienda può tornare ad essere sana e creare profitti.

Guarda che la ristrutturazione aziendale, insieme al rimborso degli interessi anatocistici, sono i due fondamentali aspetti per un’azienda e presi in tempo e gestiti con cura, vi faranno ripartire alla grande.

Immagina questo: fra un anno le cose potrebbero essere decisamente diverse da come sono oggi.
Infatti, grazie ad una scelta giusta, la tua azienda potrebbe darti meno rogne di oggi.
Pagare meno interessi alle banche, spese giuste per le tue possibilità aziendali, gestione del personale, gestione impeccabile della contabilità, accordi con i fornitori e creditori.

Non solo, se oggi sei spaventato perché non sai quanto la tua azienda possa reggere a tutto questo e temi per la perdita della casa e vuoi proteggere la tua famiglia, possiamo metterti al riparo da tutto e da tutti.

I debiti non sono da sottovalutare e devono essere gestiti e ristrutturati in modo serio e specifico.

Stiamo solo cercando di darti degli spunti, perché a volte si è solo confusi e serve qualcuno che ci deve mostrare la via corretta.

Voglio parlarti di una concessionaria di auto nel Piemonte che si trova proprio in questa situazione.

L’imprenditore in questione è proprietario di una SAS che è proprietaria di un capannone dove risiede l’officina, un’area espositiva per le auto nuove e usate, due appartamenti ancora da terminare, situati sopra al capannone.
I lavori di ristrutturazione residui sono pochi, mancano solo i pavimenti e qualche ritocco qua e la e poi sono pronti per essere messi in locazione.

L’azienda è sana, lavora e fattura..

Per cosa vi siete trovati allora?
Ci siamo incontrati perché non riesce a capire il perché non guadagna.

Il signore in questione, sulla cinquantina e con i capelli bianchi, ci dice che sta avendo difficoltà con le spese di rimborso con le banche. Diciamo che ha un po il dente avvelenato perché sborsa davvero tanti soldi trimestralmente, praticamente il suo guadagno.

E’ sempre stato regolare con tutti i pagamenti, con le banche è a posto, anche l’Agenzia delle Entrate è stata foraggiata costantemente con cura, ma alla fine della fiera non gli rimane nulla nelle tasche.

Finché un giorno non capisce che il suo problema sono davvero le banche, fa due conti e vede che sta pagando più interessi di quello che dovrebbe.

Le esposizioni con le banche sono di circa novanta mila euro di cui paga ventimila euro di interessi annui.

Ovviamente, come prima cosa, vuole fare delle preanalisi per vedere se hanno applicato anatocismo o usura sui suoi conti correnti.

Più volte il suo commercialista gli aveva proposto diverse soluzioni, ma come dicevamo prima, la persona è confusa e non si rende davvero conto di cosa sta succedendo. Dobbiamo dire che questo commercialista è davvero in gamba, sa la sua e per diverso tempo gli ha consigliato il meglio. Adesso si è deciso ad agire e ci hanno contattati insieme.

Sai non è facile trovare professionisti esperti su più settori e questa persona merita i nostri complimenti.

Cosa si aspetta questo cliente da noi?
Sicuramente una protezione del patrimonio degna del nome, in più ha capito la forza di una ristrutturazione aziendale, perché sa che erodendo qualche spesa a destra e a sinistra, il totale delle spese risparmiate lo può far tornare a guadagnare.

Compila il modulo qui sotto per poter essere richiamato.

*Inserisci il Tuo Nome e la tua email, accetta le condizioni di Privacy e clicca sul bottone "Invia"


Privacy *

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *