Mi Hanno Venduto la Casa all’Asta!

Purtroppo, a uno delle tante famiglie che ci contattano in questo periodo, hanno venduto la casa all’asta. Leggi cosa è successo…

Sfortunatamente i clienti si sono rivolti a noi in ritardo, dopo che le avevano provate tutte con il loro avvocato, ma nulla è valsa l’opposizione al precetto e al pignoramento.

Hanno solo inciso economicamente sulla famiglia senza risolvere il problema…

Quando Laura ci ha contattati proprio perché non ha pagato le rate del mutuo alla banca, la loro casa era già pignorata, anzi era al quarto esperimento d’asta ad un prezzo di cinquanta mila euro, su un valore d’immobile di circa centosessantamila euro.

A forza dei vari ribassi, l’immobile si è svalutato di parecchio diventando appetibile per i vari investitori che girano intorno al mondo delle aste.

Cinquantamila euro fanno gola, mettici un diecimila/quindicimila euro per risistemarla un po, mettila in vendita a centodiecimila euro e l’affare è fatto.

Chi compra fa un affare. Un acquisto a sconto di circa il trenta percento sul valore originale.
Chi vende, guadagna il doppio sull’investimento. Fallo diverse volte l’anno e vivi abbastanza bene.

E in fatti, pochi giorni dopo la nostra chiamata, la casa è stata venduta all’asta.

Laura però, sempre rassicurata dal proprio legale che alternava la pacca sulla spalla con una ricevuta da cento euro, è finita in un tunnel dal quale non è più riuscita ad uscirne.

La parte emozionale è molto forte, in questi casi, supera anche la parte razionale perché entra in gioco la speranza.
Ma si sa, chi visse sperando…

Metti sempre sul piatto le cose certe e mai le cose che forse potrebbero succedere.
I fatti non si discutono e noi di statistiche e esperienze passate ne abbiamo a palate.

Colpa anche un po sua, perché ha sempre pensato che nessuno avrebbe comprato la casa all’asta, perché c’è una famiglia dentro, ci sono dei figli minori, tanti “perché” spazzati via dai fatti.

Un minore o un invalido, non cambiano le sorti del pignoramento, in quanto si tratta di esproprio e non di sfratto.
Quindi, passando la proprietà ad un’altra persona, tu diventi abusivo all’interno dell’immobile perché non hai un contratto valido per starci dentro.

Il consiglio è di uscire con le buone, perché se interviene la forza pubblica, ti sbattono fuori senza neanche darti il tempo di fare i bagagli e portarti via i mobili.

In Pratica:
L’esecutato a cui viene venduta la casa all’asta, deve lasciare liberi i locali nel momento stesso che, il nuovo proprietario (aggiudicatario d’asta), ottiene dal giudice il decreto di trasferimento dell’immobile.
Se lo sgombero dell’abitazione, non avviene spontaneamente l’abitazione, il vecchio proprietario (ex esecutato) può essere costretto con la forza, dal nuovo proprietario, a lasciare liberi i locali tramite l’intervento dell’ufficiale giudiziario e la forza pubblica.
Questo può avvenire nell’arco di 4/5 mesi al massimo.

Quando l’abbiamo incontrata, eravamo stati chiari fin da subito e avevamo detto a Laura che non vi erano assolutamente possibilità per risolvere.
C’era davvero poco tempo per agire e non c’erano i tempi tecnici per parlare con la banca.

La sua famiglia è distrutta, non sanno dove andare.

Ma la situazione peggiore è che Laura ha un piccolo laboratorio in una parte della casa, dove ci lavora e non può permettersi di traslocarlo perché non ha dove mettere le attrezzature e se dovesse interrompere la produzione, perderebbe anche i clienti che, a loro volta, non possono permettersi di fermarsi nemmeno un giorno.

Voglio postarti le parole di Laura in modo che ti siano d’aiuto per prendere la decisione giusta.

“Quello che mi è successo ha dell’incredibile. Quando mi avete detto che avrei potuto vendere la casa, anche se pignorata, mi sono cascate le braccia perché il mio legale mi ha sempre detto che oramai non c’era nulla da fare, e di accettare la realtà. Dopo che gli ho dato tanti soldi per fare delle lettere inutili, ha avuto il coraggio di dire che aveva fatto tutto il possibile e, detto tra noi, la cosa migliore che ha saputo fare è stata di trovare un accordo di saldo a stralcio con la banca di centomila euro.”

Sappiate che il residuo di mutuo era di centoquindici, gran bell’accordo di stralcio!

“Vorrei che altre persone riuscissero a risolvere prima di ritrovarsi in questa bruttissima situazione. Meglio liberarsi di un debito e ricominciare.”

Non credo servano altre parole per descrivere ciò che Laura sta passando.

Evitati il peggio, se rischi il pignoramento, contattaci che parliamo.

Compila il modulo qui sotto per poter essere richiamato.

*Inserisci il Tuo Nome e la tua email, accetta le condizioni di Privacy e clicca sul bottone "Invia"


Privacy *

71 Comments

  • marika
    22 febbraio 2015 - 21:17 | Permalink

    Ciao Ho richiesto mutuo x la prima casa con il mio compagno …il mutuo è stato deliberato ma all’ultimo controllo in banca centrale il mio compagno con sorpresa scopre di essere sofferente…15 anni prima aveva fatto da garante alle sue sorelle che senza informarlo dei fatti avevano perso casa e andando in affitto dicendo al proprio fratello di aver acquistato questa nuova casa….e invece la precedente casa era stata venduta all’asta…..loro assicurano che era stata venduta a prezzo pieno ….presa in lire e rivendita in il euro….mai nessun avviso sono passati quasi 11 anni dalla vendita della casa …ma solo ora è arrivato l’avviso che devono all’italiano fondiaria 50mila euro….come possiamo ora a recuperare il nome del mio compagno???

    • 25 febbraio 2015 - 16:40 | Permalink

      Gentile Marika,
      è impossibile se non estinguendo il debito precedente.

      Bisogna eventualmente attendere la scadenza naturale del contratto più il tempo necessario perché le segnalazioni in CRiF vengano cancellate.

  • Alessandro
    23 febbraio 2015 - 18:23 | Permalink

    Salve,

    Sono un ragazzo di 30 anni.
    La mia famiglia è composta da 5 persone
    Io, mia madre,padre, 2 due fratelli
    Mia madre è invalida al 100% ( non può lavorare)
    Mio fratello ha un decifit di ritardo mentale.
    L’altro mio fratello, è separato e non siamo piu in buoni rapporti con lui.
    Mio padre ha abbandonato il lavoro da diverso tempo per Seguire Mia madre e mio fratello.

    Io lavoro, e non lavoro. Saltuariamente diciamo.
    Perché sappiamo che il lavoro c’è ne ben poco.

    Il problema è :

    Circa 30 anni fa
    i miei acquistarono la casa in cui siamo ora
    una casa in un cooperativa, condominio.

    Purtroppo la mia e altre famiglia, pagarono in ritardo le ultime parti del mutuo.
    ma pagate, ovviamente ci sono interessi sugli interessi, che non dovevano essere pagate.
    Anni fa ci fu una causa in tribunale, stavamo vincendo la causa, ma poi…
    Gli interessi negli anni sono saliti da 10.000 a 23.000 e ora 30.000

    Tempo fa quando pagammo il debito del mutuo, la cooperativa chiuse.
    con tutti gli attestati

    da qui a 2 anni la cosa, stava andando nel finale..
    nel senso.. :

    Gli interessi sono saliti a 23.000 piu 8.000 ( spese pratiche avvocato delle banche contro noi)
    tra finanziamenti e prestiti di familiari, siamo riusciti a dare 23.000 euro.
    Il quale ci avevano assicurato, che con il cambio del giudice
    avrebbe fatto un conteggio equo, delle vere quote da pagare.
    In pratica, siamo riusciti a dare i 23.000 euro.
    e ci avevano assicurato, che dando questi soldi alla cooperativa, la banca
    avrebbe mollato la presa.. ma..
    dopo l’ultima istanza, il giudice ha dato ragione alle banche.
    e’ tutto contorto, tra conti e conteggi e altro
    è molto difficile da capire.

    in pratica siamo riusciti ad avere l’attestato della casa, ma c’è ancora l’ipoteca sulla casa
    sono questi 8.000 euro da dare alle banche tramite cooperativa
    per chiudere queste pratiche.

    La nostra casa, andrà all’asta a maggio.

    avendola ri-comprata una seconda volta.

    c’è qualche via di uscita?

    Mi sembra di vivere in un film in cui il finale,
    e andare a vivere in strada.

    Possibile che non ci sia una via di uscita?

    Impossibile avere nessun finanziamento ulteriore, perchè
    gia abbiamo difficoltà, ad arrivare a fine mese.
    Siamo in rosso, con i pagamenti dei finaziamenti ricevuti per pagare questo debito.

    Purtroppo anche se ci sono due invalidi in casa.
    credo che verremmo sbattuti fuori.

    ce qualche via di uscita?

    Siamo a limite umano sopportabile.

    Aiutateci

    • 25 febbraio 2015 - 16:48 | Permalink

      Gentile Alessandro,
      mi spiace dover rispondere ad una situazione critica come la sua, ma cercherò di essere chiaro e di non nascondere nulla.

      Purtroppo nela vostra situazione nessuno vi da soldi perché non siete affidabili per il sistema bancario.

      Secondo, dopo la vendita all’asta verrete sfrattati perché gli invalidi non hanno alcun diritto in questo tipo di procedura.

      Se volete risolvere vi condiglio di contattarci per capire meglio la vostrra situazione.

      Capisco la disperazione ma se volete darvi un’opportunità, non dovete più aspettare.

      Contattateci a info@debitizero.com

  • 16 giugno 2015 - 00:07 | Permalink

    Mi hanno appena comprata all’asta la mia prima casa tra l’altro agricola essendo agricoltore ad un prezzo contestano infatti dopo 4 aste deserte il prezzo da un valore di 800000 euro è andato a 240000 euro su un debito di circa 700000 euro. All asta c era solo un partecipante perché io pur cercando di dissuadere i vari pretendenti che erano venuti a vederlo e alcuni erano umani purtroppo uno si è presentato all asta e se l’è aggiudicata. Io ritengo sia un abuso e bisognerebbe bloccare il trasferimento. Tra l altro esiste mi sembra una legge recente se ho ben compreso che quando la cifra diventa irrisoria non si dovrebbe più infierire! La domanda è non si può bloccare il decreto di trasferimento? Quindi devo andare su una strada? Ho anche animali come cavalli capre nessuno può fare qualcosa? L asta è starà il 9 giugno 2015 una settimana fa. Avrei bisogno di un vostro parere grazie

    • 17 giugno 2015 - 11:11 | Permalink

      Gentile Giusy,
      purtroppo la casa è stata venduta all’asta e non si può bloccare il decreto di trasferimento.

      La legge da “facoltà” ai giudici di sospendere la procedura.

      Si metta d’accordo con il nuovo proprietario perché le dia qualche settimana di tempo per organizzarsi.

  • sars
    24 luglio 2015 - 12:07 | Permalink

    Mi hanno venduto casa allasta mi hanno dato solo 10!giorni non so dove andare ho due figli piure minorenni uno e depresso non so cosa fare

    • 24 luglio 2015 - 13:47 | Permalink

      Gentile Sara,
      purtroppo non si può tornare indietro.

      Se è arrivato il precetto per rilasciare l’immobile è perché la casa è stata venduta, ragionevolmente, 3/4 mesi fa.

      Quando la casa viene venduta all’asta, bisogna trovare immediatamente una soluzione altrimenti si rischia la strada e sfortunatamente lei conferma ancora una volta quello che scriviamo.

      Mi spiace per i suoi bambini. Sono davvero toccato.

      • sars
        24 luglio 2015 - 14:00 | Permalink

        15 giorni che e stata venduta

        • 27 luglio 2015 - 08:05 | Permalink

          Ma chi ti ha dato i 10 giorni?

          • sars
            28 luglio 2015 - 23:49 | Permalink

            Il custode del tribunale della casa entro 10 giorni liberare la casa e chiavi

          • 29 luglio 2015 - 10:46 | Permalink

            Ok,
            ripeto… purtroppo non si può fare nulla se non chiedere un rinvio di 30 giorni.
            Mi spiace ma alla fine deve liberare la casa.

  • Elle
    12 ottobre 2015 - 02:09 | Permalink

    Mia mamma e mio papà un po’ di tempo fa hanno chiuso le 2 attività che avevano!hanno acceso un mutuo per poter onorare i propri debiti nei confronti di banche,fornitori ecc ecc. A mio avviso il commercialista non è stato in grado di consigliarli per il meglio..fatto sta che è rimasto fuori un fornitore e il debito in questi anni e’ lievitato (siamo arrivati a 50.000 euro) L’anno scorso la casa stava per finire all’asta ma è stato annullato tutto per un vizio di forma! Sicuramente i creditori torneranno all’attacco,posso cercare di vendere la casa prima che sia troppo tardi e che finisca all’asta?se la vendo e azzero il debito non è più conveniente anche per la controparte dato che con l’asta non c’è la certezza di eliminare il debito?se l’immobile e’ stato bloccato proprio per evitarne la vendita,l’unica via rimanente e’ l’asta?grazie in anticipo

    • 12 ottobre 2015 - 10:19 | Permalink

      Gentile Elle,
      certo, il modo migliore per evitare il pignoramento è vendere la casa ad un prezzo interessante per recuperare liquidità.

      Anche se l’immobile viene pignorato, noi possiamo venderlo perché conosciamo la procedura esatta.

  • Lisa
    27 ottobre 2015 - 16:17 | Permalink

    Buongiorno a tutti ! Mi sono imbattuta in questo sito l’altro giorno e la mia domanda è: ma come si fa a sapere se la propria casa è stata aggiudicata a qualcuno durante un’asta? Cioè voglio dire, se vado a “sbirciare” so se viene venduta o meno…ma altrimenti quando mi viene comunicato? Chiedo questo perchè leggendo la testimonianza della ragazza alla quale è stata venduta la casa mi è sorto questo dubbio.. non me ne intendo molto di aste ecc ma è una cosa aperta oppure ci sono molti sotterfugi? Un saluto a tutti. Lisa

    • 27 ottobre 2015 - 17:10 | Permalink

      Gentile Lisa,
      nessun sotterfugio in quanto l’asta è pubblica.

      Può chiamare il delegato alla vendita un paio di giorni dopo la data prevista dell’asta e chiedere l’esito.

      Può comunque essere presente all’asta senza partecipare.

      • Lisa
        27 ottobre 2015 - 17:57 | Permalink

        Grazie mille per la risposta precisa e veloce!!! Se non ho inteso male comunque la comunicazione UFFICIALE viene data dal decreto di trasferimento …E da quel momento il proprietario non può più definirsi tale. Mi scuso per le molte domande ma, sentendo i vari tribunali e istituti di vendite giudiziarie presenti nel nord Italia e facendo poi una statistica, ho capito che anche i tempi di immissione di tale decreto sono molto diversi da un tribunale all’altro. Perciò non capivo fino in fondo nè il perché di ciò nè l’iter di tale procedimento. Buona serata e grazie ancora

        • 28 ottobre 2015 - 19:28 | Permalink

          Con il decreto di trasferimento la proprietà passa ufficialmente al nuovo proprietario. I tempi variano da tribunale a tribunale…. In bocca al lupo per tutto.

  • mery carmen
    24 novembre 2015 - 19:11 | Permalink

    buongiorno mi chiamo Mery e vorrei chiedere a voi un consiglio.Mia zia sorella di mia madre che ora è defunta le hanno venduta la casa all’asta ma non ci ha detto se la somma servirà a coprire i debiti, io vorrei chiedere ma visto che lei non ha figli e io sono nipote e poi è in vita ancora mia nonna sua madre i creditori verranno da noi a chiedere i soldi? e se dovesse morire mia nonna l’eredità la porterebbero via? se malauguratamente mia zia dovesse morire prima di mia nonna i debiti chi li paga? da premettere che mia zia non vive con mia nonna ne con me.Grazie di cuore

    • 24 novembre 2015 - 20:05 | Permalink

      Gentile Mery,
      se nessuno accetta l’eredità, i debiti rimarranno intestati a sua zia.

      • mery
        25 novembre 2015 - 09:54 | Permalink

        grazie per la sua risposta, un ultima domanda se mia nonna intesta quello che ha alle nipoti sia immobili ed eventualmente soldi và bene? o cmq i creditori stresserebbero? ahah grazie ancora buona giornata

        • 25 novembre 2015 - 09:57 | Permalink

          Mery, i debiti erano di vostra zia. Se non avete accettato l’eredità voi non siete “colpevoli” di debiti che non avete contratto.

          • mery
            25 novembre 2015 - 12:03 | Permalink

            si i debiti sono di mia zia ma se lei in futuro dovesse ereditare soldi o immobili da sua mamma il tutto o quasi sarebbe preso dai creditori qualora lei non saldasse tutto il debito

          • 25 novembre 2015 - 12:22 | Permalink

            Buongiorno Mery, avevo capito che la zia era defunta.
            Se la zia eredita dalla mamma (sua nonna) è chiaro che i creditori aggrediscono le proprietà.

  • mery
    25 novembre 2015 - 14:31 | Permalink

    ahah no mia zia è viva e vegeta e ci sta creando non pochi problemi ,cmq grazie per la sua pazienza, ho capito più o meno quello che ci aspetterà.Buona giornata

  • Lalla
    21 gennaio 2016 - 09:44 | Permalink

    Buongiorno ho bisogno di aiuto! Da febbraio
    La casa dei miei genitori, dove vivo con mio padre, il mio compagno e mia figlia di quasi un anno andrà all’ asta!
    È avvenuto il pignoramento tramite terzi, non è stato richiesto direttamente dalla banca, per un debito creato da mio padre!
    Cosa possiamo fare? Non sappiamo dove andare…lavora solo il mio compagno e ho paura che possano portarmi via la bambina!!

    • 21 gennaio 2016 - 10:09 | Permalink

      Gentile Lalla,
      purtroppo se non si paga il debito la casa verrà venduta all’asta, prima o poi.

      Se non avete molti soldi diventerà difficile spostarsi, trovare da affittare con le caparre e il resto che serve. E con una bambina piccola so che non sarà facile.

      Però c’è ancora una possibilità.

      Ci contatti a info@debitizero.com e vediamo di scambiare due chiacchiere.

  • Mab
    27 gennaio 2016 - 13:18 | Permalink

    Buongiorno,
    mi chiedevo se attraverso i dati catastali di una casa si può sapere se essere è stata messa all’asta oppure no e se si dove si deve guardare. Vorrei fare tutto online senza rivolgermi a terzi. grazie

  • lara
    10 marzo 2016 - 21:54 | Permalink

    salve.. qui la mia casa è stata già venduta all ‘asta per pochi spiccioli.. ora cosa devo aspettarmi dai creditori?
    il mio avvocato mi ha parlato di sequestro dei beni, dove abito tutt’ora? e mi ha fatto fare una carta dove risulta che ho tutto in comodato d’uso gratuito , tutto di mio marito sposata con separazione e la casa è sua di prima che ci sposassimo.
    so che a vita non potrò più intestarmi nulla, quello che però voglio sapere e come si muoveranno ora per il credito rimanente che devo alla banca.

  • cri
    8 aprile 2016 - 21:40 | Permalink

    Salve a luglio la mia casa e stata venduta all asta per circa 80000 € ora a distanza di tempo mi arriva un atto si precetto che dice che la banca vuole ulteriori 95000 € da me ,ma è normale?Ma a logica se o perso la casa perché non riesco a pagare secondo loro dove trovo 95000 €in 10gg?si può fare qualcosa? Possono avvalersi sui garanti di allora? Grazie

    • 9 aprile 2016 - 11:42 | Permalink

      Gentile Cri,
      questa è una delle cose che cerchiamo di far passare sui nostri siti.

      Se una casa viene venduta all’asta e non copre tutto il debito, il residuo rimane e viene chiesto al debitore e ai garanti.

      In questo caso si ripercuoteranno sui garanti che sicuramente hanno una proprietà e rischiano di perderla miseramente come è successo a te.

      Meglio correre ai ripari prima di creare un serio danno a chi ha garantito per te.

      • cri
        9 aprile 2016 - 23:31 | Permalink

        Quindi cosa potrei fare per evitare ciò

        • 10 aprile 2016 - 09:54 | Permalink

          Meglio che ci contatti perché non c’è molto altro da fare che cercare di sanare il debito rimasto con una transazione a saldo e stralcio.

          Altrimenti conosce già le sorti. Ci contatti adesso.

  • paola
    24 aprile 2016 - 04:15 | Permalink

    Ciao a causa di un fallimento vivo all’estero per meglio dire dall’altra parte del mondo,di conseguenza non ho piú pagato il mutuo di una casa e ne ho a garanzia un’altra.
    Chiedevo come faccio a sapere la posizione delle mie case?
    Posso vendere?
    Quanto mi costa conoscere la situazione e le possibilitá che ci sono se ci sono?
    Nelle case non sono stati messi sigilli cosa significa?
    Grazie mille

  • Pina
    21 maggio 2016 - 17:00 | Permalink

    Salve la banca mi ha mandato la carta dal tribunale posso cercare di vendere l immobile prima che la casa va all ‘asta grazie

  • Giacomo
    27 maggio 2016 - 14:51 | Permalink

    Salve o dei seri problemi con terzi vogliono vendere casa a l’asta pero nel 2013 o costituito un fondo patrimoniale la possono vendere grazie

    • 27 maggio 2016 - 16:03 | Permalink

      Gentile Giacomo,
      bisogna essere un po’ più preciso nelle spiegazioni.

      Con chi ha il debito?
      Esisteva già il debito quando ha costituito il fondo e se ha fatto il fondo proprio perché sapeva di avere problemi?

  • Giacomo
    27 maggio 2016 - 18:20 | Permalink

    Salve scusatemi per non essere stato chiaro ,mi arrivo un precetto il mio avvocato mi disse che era a scopo cautelativo. Mi chiedevano dei danni per dei lavori eseguiti male ,secondo la dita veramente la causa andò vanti senza che io sapessi niente non ci fu attività DS parte del mio avvocato. Il mio problema adesso e che con due appartamenti e nonostante il fondo patrimoniale mi potranno buttare fuori di casa.anche se quando andai dal notaio che spiegati il mio problema mi disse che dove mi era stato notificato il precetto quel app.poteva essere venduto ma non dove avevo la residenza. Vi ringrazio per l’attenzione .anche se la mia storia e abbastanza complicata in questi ultimi tre anni me ne sono successe

    • 30 maggio 2016 - 10:54 | Permalink

      Gentile Giacomo,
      purtroppo hai avuto a che fare con “professionisti” che non conoscono bene la materia.

      Il precetto NON è un atto cauteativo, ma l’inizio della procedura esecutaiva dove al successivo arriva il pignoramento.

      Se il notaio ti ha fatto costituire un fondo patrimoniale con debiti certificati e un precetto, mi spiace, ma il tuo caso conferma nuovamente quello che scriviamo.

      Purtroppo i tuoi beni sono in pericolo.

      Contattaci e scaricati il report informativo a https://www.debitizero.com/contattaci/

  • 7 giugno 2016 - 23:31 | Permalink

    Salve, questa mattina ho ricevuto l’atto del pignoramento dell’immobile, ho capito che la soluzione migliore è vendere la casa prima dell’asta, ma vorrei sapere quando tempo ho prima che la casa venga messa all’asta?
    io abito con i miei genitori e vorrei sapere se tutti i mobili che ho comprato rimangono a me o se anch’essi verranno sottratti per recuperare il debito? Ho letto tutti i messaggi è ho davvero tanta paura, non so più cosa fare

    • 10 giugno 2016 - 09:30 | Permalink

      Gentile Antonio,
      normalmente passano 3/4 mesi dalla ricezione del pignoramento. Essendoci Agosto di mezzo potrei dire che la prima asta sarà intorno a Novembre/Dicembre.
      Se decide di vendere l’immobile cerchi di metterlo ad un prezzo giusto di mercato e non alto, altrimenti non lo comprerà nessuno. Deve chiedere alla banca a quanto è disposta a scendere per chiudere.
      Se non ha altri creditori che possono attaccarsi ai mobili, quelli rimangono suoi.

  • Vincenzo
    21 giugno 2016 - 17:20 | Permalink

    Salve, vorrei possibilmente avere il vostro parere su tale situazione:
    a fine luglio va in asta per il quarto tentativo la mia casa.
    La perizia del tribunale 230.000 euro, dopo vari tentativi quest’asta sarà per la somma base di 115.000 euro che in base alle nuove leggi potrà essere acquistata con una offerta di 87.000 euro.
    Se la comprano non ci ricavo neanche la rimanenza mutuo e avrò altri debiti con la banca.
    Domanda in base alla riforma fatta a febbraio dal governo, se la casa a questo quarto tentativo di vendita non viene venduta il Giudice e obbligato per legge ad annullare la procedura di vendita e io potrò vivere in casa senza problemi? Come fare a chiedere al giudice la cancellazione di tale vendita.
    Grazie

    • 27 giugno 2016 - 09:17 | Permalink

      Gentile Vincenzo,
      non è detto che dopo questa asta si chiuda la procedura in quanto i tribunali ci mettono un po’ per adeguarsi alle nuove disposizioni.

      Perderla per 87 mila euro sarebbe davvero una cosa brutta, capisco.

      Non è meglio venderla per chiudere tutto e uscirne pulito da tutto?

      Se sei di quell’intenzione, possiamo vedere noi come aiutarti.

      Contattaci qui: venderecasapignorata@gmail.com

  • Giulia
    23 giugno 2016 - 20:08 | Permalink

    Salve

    La casa di famiglia sarà battuta all’asta il 30 di questo mese (giugno) abbiamo tentato il tutto anche chiedere un finanziamento per saldare il debito a saldo e stralcio ma la banca a ciu abbiamo chiesto è da 2 mesi che deve deliberare e a oggi ancora niente. L’asta sarà settimana prossima siamo disperati non sappiamo più dove sbattere la testa.

  • daniela
    28 giugno 2016 - 14:07 | Permalink

    pensate che a me hanno venduto la casa pur avendo un accordo scritto nero su bianco con la Banca creditrice in quanto il Giudice non ne ha voluto sapere nulla anche su richiesta di rinvio della Banca stessa. questa è la legge italiana la quale viene interpretata come uno vuole. da me la banca avrebbe ripreso tutti i suoi soldi € 210.000,00 ne ha guadagnati solo € 80.000,00. il pignoramento era avvenuto per problemi di una separazione coniugale durata due anni. riunita la famiglia noi abbiamo un reddito lordo di oltre € 50.000,00/60.000,00 annui datemi una risposta voi.

    • 28 giugno 2016 - 14:22 | Permalink

      Gentile Daniela,
      purtroppo ne sentiamo tante di queste cose che fanno schifo.

      La casa è già stata venduta all’asta o è ancora all’asta?

  • Luca
    2 ottobre 2016 - 16:57 | Permalink

    Buonasera, vi racconto velocemente il mio inferno, in aprile 2016 compro casa con mutuo unicredit 110% con tanto di perizia, quando presento la DIA per lavori interni mi di il comune che la casa presenta delle difformità che ne il perito della banca ne il notaio hanno notato. Quando lo faccio presente la parte venditrice sparisce il notaio dice di avere un assicurazione e quindi posso fare ciò che voglio, e la banca quando gli dico che voglio annullare l’atto mi dice che prendera’ la casa per venderla all’asta. Ma in che paese viviamo? Cosa posso fare? Aiutatemi sono disperato.

    • 2 ottobre 2016 - 20:24 | Permalink

      Gentile Luca,
      Che nessuno abbia visto le difformità mi sembra assurdo.

      Purtroppo c’è poco da fare se non denunciare il fatto ad un giudice.

      C’è comunque modo di mettere a posto le cose o sono insanabili?

  • Luca
    3 ottobre 2016 - 14:34 | Permalink

    Salve, grazie per la risposta celere. In realtà non so se sono insanabili ma uno degli ampliamenti va a ridurre la distanza dal mio muro di cinta a 2 metri il vicino ad occhi e croce ne ha 4 ora non so se questo e’ motivo di insanabilita’. Ma mi creda la cosa che mi ferma sono le conseguenze che mi ha descritto l’ultimo legale da me interpellato. Lui sosteine che dietro la nullita’ dell’atto di compravendita va a decadere anche l’atto di mutuo in quanto non avendo piu garanzie, quindi nelle migliori delle ipotesi la banca ipotecherebbe la casa con vendita all’asta e la differenza del debito dovrei darla sempre io. Quindi mi domando il perito della banca sbaglia, il notaio pure la parte venditrice incassa i soldi e l’unico che paga sono io? Solo perche sono una persona onesta con qualcosa da perdere.

    • 5 ottobre 2016 - 11:01 | Permalink

      Si, la banca quando concede il mutuo si aspetta che tutto sia regolare.

      Dovete parlare con il notaio che doveva fare tutti gli accertamenti. Anche l’agente immobiliare.

  • Luca
    3 ottobre 2016 - 14:36 | Permalink

    Lo trovo vergognoso, e solo in un paese come il nostro a stampo malavitoso, dove le caste hanno la meglio su tutti, possono succedere queste cose. Non ho piu la forza di combattere tutto cio che avevo l’ho investito in un sogno che hanno distrutto e trasformato in un incubo. Adesso o perdo tutto o faccio una pazzia… Scusate lo sfogo.

    • 5 ottobre 2016 - 11:02 | Permalink

      Luca, capisco perfettamente il tuo disagio.

      Se potessi ti aiuterei con tutto il cuore.

      Chiedi al notaio di applicare l’assicurazione, se possibile.

  • Federico russo
    4 ottobre 2016 - 23:07 | Permalink

    Chiedo umilmente un informazione, mia madre è stata esecutata a luglio 2016 con la vendita dell’unico immobile di proprietà dal valore di 350.000€ ribassato e poi venduto alla terza asta senza incanto a 178.000€. Abbiamo fatto un ricorso in base all’eccessivo ribasso rispetto al debito di 40.000€ ritardando l’esito di tre mesi, ma il giudice ha seguito un altra giurisprudenza confermando l’aggiudicazione. Fra l’altro ho visto online la mia casa in vendita 20 giorni prima l’esito del ricorso. Adesso attendiamo il piano di distribuzione dei creditori.
    Volevo sapere quanto tempo passerà prima che il tribunale ci versi la restante cifra derivata dalla vendita decurtata dalle spese processuali (mi piacerebbe stimare quanto incideranno) e
    Desideravo sapere se all’emissione della ricevuta verso il nuovo proprietario sia contestuale la consegna delle chiavi al custode

    • 5 ottobre 2016 - 11:07 | Permalink

      Gentile Federico,
      normalmente l’udienza di riparto ricavi si tiene dopo 18 mesi dalla data di vendita all’asta.

      Sentite il giudice se ha già la data prefissata.

  • Luca
    5 ottobre 2016 - 21:47 | Permalink

    Quindi mi stai dicendo che non ho alcuna speranza, se annullo l’atto perdero’ casa nonostante lo sbaglio sia del perito della banca del notaio e la parte venditrice abbia fatto dichiarazioni mendaci.

  • Penka
    14 novembre 2016 - 23:18 | Permalink

    Salve
    Vorrei sapere se io e mia figlia minorenne abbiamo diritto di rimanere a casa già venduta a l’asta?
    Grazie

    • 16 novembre 2016 - 12:56 | Permalink

      Buongiorno Penka,
      purtroppo no, almeno che non ci siano assegnazioni particolari iscritte prima del pignoramento.

  • Mery
    2 dicembre 2016 - 15:21 | Permalink

    Buongiorno
    In 2005 miei hanno comprato una casa con il mutuo da pagare in 30 anni. Dopo 5 anni tutte e due sono rimasti senza lavoro grazie a crisi economica. Abbiamo sospeso il mutuo per 12 mesi, ma comunque non era cambiato niente. Non avendo pagato il mutuo la casa stata venduta all’asta a 60.000 euro, che avevamo comprato casa a 153.000 (da banca 170.000).
    Vorremmo sapere adesso cosa succede. Miei sono trasferiti in un altro paese extra comunitario, non avendo un lavoro non avevano niente da fare. Sono nullatenenti in italia. Banca come puo reagire

    • 3 dicembre 2016 - 00:13 | Permalink

      Gentile Mery,
      se i genitori sono trasferiti in un altro paese diventa difficile per la banca recuperare i soldi.

      Se invece tu sei in Italia, e un domani accetti l’eredità, quei debiti passano a te.

  • Assan
    6 agosto 2017 - 23:50 | Permalink

    Ho comprato la casa 2008 a 110 mila euro 2013 e stata venduta al asta perché non riesco più a pagare problemi de lavoro ste giorne qui me arrivata la lettera da edobank chiedendo de saldare debito 138 mila euro più del mutuo si qualcuno me da qualche consiglio grazie

    • 7 agosto 2017 - 11:58 | Permalink

      Gentile Assan,
      è normale quando la vendita all’asta non chiude il debito.

      E’ uno dei punti sui quali spingiamo a riflettere quando si entra in problemi di debito.

      • Assan
        7 agosto 2017 - 13:28 | Permalink

        Quindi a mio caso non c’è più niente da fare per forza devo saldare debito anche si una cosa difficile una famiglia e 2 bambini non c’è arrivo anche a fine mese non so più cosa faccio grazie

        • 7 agosto 2017 - 13:29 | Permalink

          Purtroppo il debito rimane e cercheranno di prenderlo tutto.

          Capisco che sia difficile.

          Perché non avete cercato soluzioni in passato?

  • Katty yepez
    8 agosto 2017 - 22:41 | Permalink

    Salve vorrei sapere.cosa posso fare per ricuperare la mia casa che e all asta

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *