Mutuo non pagato e casa all’asta

Cosa succede dopo che il mutuo non viene pagato, la casa va all’asta e qualcuno se la compra?

Ti anticipo che pregare perché un miracolo possa accadere NON è la strategia giusta.

Non voglio passare per miscredente o giudicare chi ha fede, ci mancherebbe, dico solo di non soffermarsi a pregare può non essere l’unica soluzione.

Ho viste molte persone affidarsi in toto alla preghiera per poi rimanere per strada.

Avere fede è importante perché aiuta ad affrontare meglio la situazione ma non è la sola strategia a cui ti devi aggrappare.

Parliamo di numeri.

L’anno scorso oltre 250 mila case sono andate all’asta e quest’anno i numeri sono volti a salire inesorabilmente.

Si fa fatica a pensare come tutte queste persone possano superare un momento così buio.

Sono certo che molte di loro hanno chiesto una mano al divino perché le aiutasse a superare questa difficoltà.

Il divino ti può dare una mano e indicarti la strada, ma poi tocca a te abbracciare quello che è stato scelto per te.

Purtroppo però, oltre alla fede, elemento importante in queste situazioni, servono anche i soldi altrimenti si va dritti verso il ciclo del pignoramento.

Sempre la stessa cosa:

  • Difficoltà con il lavoro
  • Rate mutuo non pagate;
  • Solleciti;
  • Atto di precetto;
  • Atto di pignoramento;
  • Casa all’asta;
  • Casa venduta all’asta per pochi soldi.

In mezzo a questo processo si nascondono tutte le emozioni e le paure delle persone coinvolte.

Gente che ha fatto i salti mortali per potersi comprare una casa e che oggi se la vede portare via al prezzo delle patate.

Tanta preoccupazione e notti senza dormire con gli occhi fissi al soffitto.

E’ normale quando si hanno rate non pagate da diverso tempo.

Alcuni hanno anche il mutuo non pagato da 2 anni, o più.

Diventa difficile per le persone capire dopo quanto tempo la casa verrà venduta all’asta.

Adesso le cose si stanno velocizzando perché i tribunali stanno vendendo le case all’asta con un processo di vendita più veloce.

Ma quanto è il tempo effettivo?

Dopo quante rate non pagate la casa va all’asta?

Cerchiamo di fare chiarezza su questa domanda che crea molta confusione e aspettative falsate.

Diciamo che la domanda corretta è: dopo quante rate non pagate scatta il pignoramento?

Perché prima di andare all’asta, una casa deve essere pignorata.

E qui si apre un mondo perché non per tutti è la stessa cosa.

Una cosa fondamentale sono i rapporti che hai con la banca.

Devi sapere che le banche NON sono d’accordo a vendere una casa all’asta, ma sono obbligate quando il loro credito è a rischio. 

Ti garantisco che le banche sono più che disponibili a trovare un accordo a saldo a stralcio del loro credito quando ci sono chiare difficoltà nel pagare un mutuo.

Anche la gestione del loro credito e dei loro bilanci è nettamente diversa.

  • All’inizio lo pensavo anche io che le banche lo facessero apposta a mandare le case all’asta.

Ma con il tempo mi sono dovuto ricredere perché prima si chiude e meglio è per tutti.

Non hai idea di quante situazioni stiamo chiudendo perché le banche sono disponibili a risolvere.

Il più delle volte le rogne le abbiamo con i privati, il condominio o una finanziaria.

M anche lì sappiamo come gestire a modo la negoziazione.

Non c’è momento migliore per trattare con le banche e ottenere un forte sconto sul proprio debito.

Hai capito bene.

Le banche sono pronte a calare i pantaloni PUR DI TOGLIERSI UNA ROGNA!

Però c’è un problema.

Il problema è dato dal fatto che molti NON vogliono vendere la casa perché hanno un attaccamento affettivo verso l’immobile.

E ci sta.

Capisco.

La stessa cosa che è successa a questo ragazzo di cui ti metto la foto di un suo commento che è arrivato qui sul blog.

La casa è stata venduta all’asta per il mancato pagamento delle rate del mutuo ipotecario e adesso ci si ritrova senza casa e con il debito sulle spalle.

Debito che ti insegue per tutta la vita se non lo estingui.

Mi chiedo spesso perché queste persone non si sono mosse prima per risolvere.

Perché lasciare andare tutto a rotoli quando c’è la possibilità di chiudere tutto felicemente e uscirne puliti?

Perché queste persone non sono state educate nel modo corretto da chi doveva dire loro tutto.

Partendo appunto dalle conseguenze del pignoramento.

Discuto tutti i giorni con persone che mi raccontano che:

  • il direttore di banca gli ha detto che avrebbe trattato la loro situazione con occhio di riguardo e poi si sono viste infilare l’atto di pignoramento nella buca delle lettere;
  • un avvocato che ti ha fatto spendere qualche cento euro perché certo di poter fare opposizione al pignoramento senza valutare tutte le conseguenze;
  • un avvocato che non è riuscito a portare a termine il compito che gli hai affidato, oppure…
  • l’avvocato che ha trovato un accordo a saldo a stralcio ma alla fine, non ci sono i soldi per accontentare la banca;
  • all’agente immobiliare che ha cercato di venderti casa ma non ha trovato acquirenti perché il prezzo è alto, oppure non sa come gestire la situazione di debito con i creditori e accontentarli tutti.

Potrei andare avanti con altri esempi ma mi soffermo con i classici 5.

Non mi sento di giudicare nessuna delle parti citate qui sopra.

Un direttore di banca vorrebbe davvero aiutarti ma non ha i poteri giusti per decidere.

Il legale non ha l’esperienza nel saldo a stralcio giusta per portare a casa un’operazione con i fiocchi.

Un agente immobiliare vende case. Non fa trattative di debito.

Almeno, la maggior parte di quelli che conosco.

In tutti i casi ci hanno provato, credimi.

Ma la solfa non cambia.

Le conseguenze ci sono e vanno affrontate.

E non parlo del pignoramento in se.

Mi riferisco alle conseguenze del pignoramento nei prossimi anni di vita.

Avere una banca che ti insegue e ti pignora i beni, stipendi o altro di tua proprietà, non è una bella cosa.

Significa vivere una vita di rinunce.

Dire di no a tutto per errore di non aver colto un’occasione quando si è presentata.

Sai cosa vuol dire dover restituire cento mila euro ad una banca e non avere più la casa?

E non sono le conseguenze per non aver pagato il mutuo, ma le amare conseguenze per non avere deciso di vendere un casa ormai persa, CHIUDERE TUTTI I DEBITI e USCIRE DA VINCITORI e a TESTA ALTA laddove molte persone cadono vittime di questo sistema che fa schifo.

RICOMINCIARE UNA VITA senza più oppressioni da parte di banche e creditori.

Poter ricominciare – finalmente – a viaggiare, a fare regali alla famiglia, permettersi le cose che ci si merita per il duro lavoro di tutti i giorni.

Riabbracciare la vecchia vita e poterti di nuovo ripromettere cose che adesso sei obbligato a dire di no… e per quanto tempo ancora? 

Come ti sentiresti senza più il peso di tutto questo?

Cosa penserebbe la tua famiglia di te che ti sei battuto come un leone per ridare a loro un futuro e una speranza?

Pensaci bene.

Io posso aiutarti in tutto questo perché so cose che gli altri non sanno.

Ho in mano un sistema di chiusura debiti il “BASTA DEBITO”, che è super efficace e ti chiude i debiti anche quando sono più alti del valore dell’immobile.

Arrivati a questo punto ti posso tranquillamente dire che se hai paura del mutuo non pagato, da oggi puoi avere una speranza in più.

Ma devi essere disposto a fare quello che ti dico e vedrai che ne uscirai da eroe e la tua famiglia ti ringrazierà per la decisione che avrai preso.

Sono William Cappa della “CAPPA & Associati”, i Professionisti dello Spignoramento. Contattami e richiedi la Guida del Sistema Collaudato “Basta Debito” >>> clicca qui <<<.

Compila il modulo qui sotto per poter essere richiamato.

*Inserisci il Tuo Nome e la tua email, accetta le condizioni di Privacy e clicca sul bottone "Invia"


Privacy *

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *