Ristrutturazione aziendale in corso

Con una Ristrutturazione Aziendale puoi trasformare la tua azienda e ritorni a lavorare più forte di prima.

Michele è un imprenditore nel ramo della ristorazione in Piemonte. Negli anni ha tirato su una serie di ristoranti che nel tempo hanno prodotto altissimi numeri con successivo incremento di personale, attrezzature ed investimenti nelle strutture per ottenere una gestione aziendale ottimale.

Nuovi macchinari che sostituivano i vecchi ed obsoleti, i soldi entravano e le banche erano ben felici di aprire finanziamenti e affidamenti bancari per sovvenzionare l’imprenditore di successo.

I suoi ristoranti erano gestiti da una SNC dove lui e la moglie sono i soci.
Sai benissimo che i soci di una SNC rischiano personalmente e illimitatamente con i propri beni e quando gli abbiamo detto questo è quasi caduto dalle nuvole.

Ma il mio commercialista mi ha detto che la SNC è meglio di una SRL.

Una consulenza aziendale fatta bene è fondamentale per il proseguo della tua attività. Devi sapere come trattare con tutte le figure creditrici, devi conoscere come poter ristrutturare i debiti o poterli pagare col tempo e magari a stralcio.

Dipende se è meglio per te o è meglio per lui da gestire!

Appena sentiamo parlare di SNC ci viene automaticamente voglia di avviare una ristrutturazione aziendale, anche solo per farvi dormire sonni più tranquilli.

Proprio quel sonno che da diverso tempo ha abbandonato la famiglia di Michele.

I ristoranti che ormai da sette anni circa avevano fatto la fortuna di questa famiglia, per un puro caso tecnico, si sono visti calare la clientela dal giorno alla notte.

Semplicemente hanno invertito dei sensi di marcia e contestualmente hanno iniziato dei lavori sulla strada che hanno portato ad un blocco parziale della circolazione ponendo anche una bella rete arancione proprio davanti alle vetrate del ristorante.
Il mercato è crollato immediatamente dal giorno stesso con conseguente calo dei fatturati.

Gli altri due ristoranti, che non godevano di una buona posizione come questo, lavoravano e incassavano il giusto per pagarsi le spese e mantenere i dipendenti generando un lieve profitto, ma pur sempre un guadagno che alla fine del mese non era poi male. Li avevano aperti in zone periferiche giusto per far conoscere il marchio in modo che le persone che giravano per il centro avessero avuto un punto di ristoro conosciuto, e viceversa.

Ovvio che il grosso delle entrate venivano dal primo ristorante, ma dopo questa bella sorpresa, quelle entrate sono completamente scomparse.

I lavori durano circa dodici mesi. Anche il comune non naviga in buone acque, ecco spiegato il perché i lavori si sono posticipati così a lungo.

Le entrate mensili non riescono più a coprire le rate del mutuo e dei finanziamenti.
Ogni trimestre si devono pagare circa quattromila euro di competenze alla banca.
I fornitori  stanno attendendo che le loro fatture vengano pagate e anche Equitalia pretende delle somme.

E’ più che chiaro che l’azienda è sull’orlo del fallimento con conseguente rischio di pignoramento sul tutto il patrimonio, stimato in circa settecentomila euro.

C’è la casa di Michele e la moglie, nella quale vivono con i figli di quattro e sette anni.
C’è la casa per le vacanze in Toscana.
C’è l’immobile dei genitori che è a rischio in forza delle firme di fideiussione da parte dei genitori di Michele.
C’è anche un piccolo terreno su una collina che Michele ha acquistato per poterci costruire un giorno la propria casa dei sogni.

Sogni che data la situazione si stanno tramutando in incubi.

Michele è bravo nel suo lavoro e lo si vede nel modo in cui si atteggia tra i tavoli del ristorante, si vede nel modo in cui ne parla, la passione lo ha proprio invaso.

Adesso però bisogna fare i conti con la realtà!

Se l’obiettivo di Michele è lavorare, noi lo faremo lavorare.
Se sei bravo in ciò che fai, devi continuare a farlo eliminando tutte quelle scocciature che oggi frenano la tua imprenditoria.
Immagina di ricominciare a lavorare libero da preoccupazioni con la possibilità di poter chiudere e risanare tutti i debiti col tempo e con i frutti del tuo nuovo lavoro… non sarebbe fantastico?

Michele vuole questo e come lui tantissimi altri imprenditori in Italia.

Ormai i lavori sono finiti e il mercato si sta riprendendo, peccato che il tempo sia scaduto con fornitori e banche.

E’ tutto finito????

Assolutamente no, intanto cominciamo con una ristrutturazione aziendale in modo da trasformare la SNC in SRL.
Oltre alla ristrutturazione aziendale, parallelamente, ti facciamo una riorganizzazione aziendale per capire quali spese sono eccessive e possono essere tagliate in modo da farti recuperare dei margini anche sulle tue spese e utenze. Michele la sua crisi aziendale la puo superare grazie a tutti questi piccoli consigli.
Dopodiché andiamo a trattare con i fornitori per trovare accordi per nuove forniture e pagare il pregresso, e anche qui ci sono delle formule di riuscita strabilianti.

E le banche?
Un’analisi sui conti correnti non fa mai male e se viene fuori che Michele deve prendere invece che dare, riusciamo a prendere un bel po di tempo ed evitare che le banche si muovano con un pignoramento.

Non dimentichiamoci dei dipendenti che stanno ancora aspettando qualche mensilità. C’è un pò di INPS da pagare ma lo possiamo risanare.

Non per ultima Equitalia, non essendoci “relativamente molto” la può rateizzare e pagare in forza dei risparmi che otterrà dopo una riorganizzazione aziendale. Limiti i costi da una parte e hai i soldi per pagare altro.

Ti serve poi anche un contabile che ti dica seriamente cosa fare o meno? La nostra struttura può offrirti anche questo servizio in modo che tu sia seguito al mille per mille in tutti i tuoi nuovi passi.

Compila il modulo qui sotto per poter essere richiamato.

*Inserisci il Tuo Nome e la tua email, accetta le condizioni di Privacy e clicca sul bottone "Invia"


Privacy *

2 Comments

  • Francesco di Cuneo
    16 settembre 2013 - 08:37 | Permalink

    Anche io ho ascoltato il commercialista e ho fatto una snc invece di una srl.
    Con il risultato che ora sto rischiando tutto quello che ho costruito in 18 anni di lavoro. Casa, capannone, risparmi.
    Cosa si può fare? Veramente ci sono le possibilità che dite nell’articolo?
    Se faccio una srl per togliere la garanzia, non si attaccano alla cosa?

    • 17 settembre 2013 - 10:19 | Permalink

      Gentile Francesco,
      è tranquillamente possibile cambiare da SNC a SRL. Chiaro che la trasformazione societaria deve avvenire in modo congruo e seguendo tutte le norme.
      Adesso, per quel tipo di difficoltà in cui si trova lei, le consiglio di darci un colpo di telefono o inviarci un form di contatto.
      Questo per capire i dettagli di cosa sta accadendo.

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *