Truffato dal commercialista

La visita di oggi, ha prodotto non poco sconcerto.
Questo signore, di nome Sergio, ha subito una truffa dal suo commercialista che si è intascato i soldi che erano dovuti al pagamento dei tributi, provocando, negli anni, uno scompenso fiscale importante.

Il nostro cliente, ha un’azienda di pubblicazioni e realizzazioni grafiche nell’alto milanese. Un’attività che porta avanti con passione da ormai circa da trent’anni.

Ha sempre vissuto per la propria azienda, diciamo che ha sempre vissuto in azienda, infatti è uno di quegli imprenditori che passa le giornate e i week end chiuso nel suo capannone a lavorare.

Il suo problema è che, essendo un gran lavoratore, non si è curato molto della parte amministrativa dell’azienda, in quanto aveva tutto in mano la sua segretaria e il suo commercialista.

“Ciao Sergio, è arrivata una cartella di Equitalia di dieci mila euro, puoi passare a portarmi i soldi? Ne è arrivata un’altra, e un’altra ancora…”

Sergio prende e paga e si fida ciecamente del suo professionista, perché lui è un professionista, io sono solo un grafico pubblicitario.

Passa il tempo, Sergio comincia ad avere i primi problemi legati alla sua attività di grafica, il lavoro cala, le banche iniziano a chiedere un minimo di rientro degli affidamenti. Gli stipendi iniziano a diventare faticosi da pagare, in quanto, col lavoro che cala, le spese rimangono tali e Sergio deve far fronte a tutto. Tanté che accende un mutuo per poter pagare le spese aziendali e gli stipendi.

“Ho sempre pagato tutto e tutti, piuttosto sto senza mangiare ma devo pagare le persone che lavorano per me”.

Avete capito che tipo di persona ci troviamo di fronte?

Un bel giorno, riceve una cartella di Equitalia di cinquantaquattro mila euro!
Sergio ci racconta che quasi sviene e non riesce a credere a ciò che vede. Negli anni precedenti aveva pagato, anzi credeva di aver pagato, circa ottantaquattro mila euro di tasse varie. Nella realtà tutti quei soldi non erano mai stati versati, ma intascati dal suo commercialista.

Se ne sentono spesso storie come questa, ma quando ne vieni a contatto ti fai molte domande.

Nei successivi quattro anni, paga quasi quaranta mila euro di cartelle esattoriali e, pochi giorni fa, Equitalia gli notifica una cartella esattoriale da centodue mila euro che gli taglia le gambe.

“Come fanno questi a chiedermi centomila euro di tasse, nemmeno li ho guadagnati quei soldi”

Quasi in lacrime ci dice che quei soldi non li ha nemmeno guadagnati negli scorsi anni di attività, in quanto, gli ultimi periodi, la sua azienda è costantemente in rosso per colpa della crisi.

Facciamo due conti e il totale dovuto, solo ad Equitalia, è di centocinquantaquattro mila euro.

L’idea sarebbe quella di cercare di avvalersi sul commercialista che lo ha portato in questa situazione.
Purtroppo, il professionista è mancato qualche anno fa e Sergio si trova in una posizione di non poter dimostrare quanto accaduto.

Non bastasse, le banche incominciano a farsi vive.

Sergio sta pagando circa seimila euro al mese tra mutui, leasing, finanziamenti, senza contare le spese di gestione aziendali e gli stipendi.

Durante il colloquio, ci stavamo chiedendo come certe persone si possono approfittare di persone che lavorano onestamente e che danno tutto loro stessi per l’azienda e i propri dipendenti.

Sergio è preoccupato per la casa che ha, sta pagando un mutuo ormai da molti anni e se Equitalia la pignorasse, si vedrebbe portare via quasi quindici anni di mutuo pagato regolarmente.

Si può fare qualcosa?
Noi ne siamo certi, e presto torneremo a lui con una soluzione ben confezionata dai nostri esperti.

Compila il modulo qui sotto per poter essere richiamato.

*Inserisci il Tuo Nome e la tua email, accetta le condizioni di Privacy e clicca sul bottone "Invia"


Privacy *

4 Comments

  • micaela
    10 gennaio 2015 - 18:25 | Permalink

    salve faccio parte di una 50ina di aziende truffate dal proprio commercialista,che si è poi suicidato.
    Sono a chiedervi dove posso rivolgermi x richiedere il ricalcolo delle dichiarazioni dei redditi degli anni passati,senza spendere un patrimonio in quanto come mè anche altre ditte si trovano al collasso x dover afrontare i pagamenti di equitalia e ag entrate per errori causati appunto dal defunto commercialista.
    Abito a bologna e spero possiate aiutarmi.
    Cordiali saluti Franceschi Micaela

  • Icory
    17 luglio 2016 - 09:35 | Permalink

    Salve, è normale che il mio commercialista dopo avermi fatto la dichiarazione dei redditi, chieda 750€ di parcella per 12 fatture consegnate in un anno ??

    • 18 luglio 2016 - 08:59 | Permalink

      Gentile Icory,
      non esiste un costo fisso del commercialista.

      So solo che si fanno pagare anche per poche cose.

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *